San Polo Matese, tra montagne, presepi e zampogne

Alle pendici del Matese sorgono tanti gioiellini di paesi; tra questi San Polo Matese, noto specialmente per il presepe vivente e per le zampogne. Ma non solo…

Continuate la lettura e visitate i social per restare sempre aggiornati:

Cenni storici

San Polo Matese, paesino su un colle, di origine medioevale, sorse intorno ad un castello longobardo quando il territorio faceva parte del gastaldato di Bojano.

Caratteristica della natura della zona sono i ritrovamenti di fossili, segno del mare una volta presente in quelle località, come in gran parte del Matese, come testimoniato dalle numerose rudiste che è facile rinvenire in zona. Tra quelle presenti (calcari di rudiste) le principali sono: ittioli, rettili, anfibi, crostacei, bivalvi, gasteropodi e brachiopodi; ma molti altri ancora sono presenti.

Cosa vedere

Da visitare è, oltre al centro storico con le sue viuzze, la parrocchia di San Pietro in Vincoli, medioevale, del 1241, al cui interno vi sono un bel battistero del 1552, un’acquasantiera del 1616 e una statua lignea del Di Zinno, raffigurante la Madonna col Bambino, realizzata nel 1755. Da non dimenticare di vedere anche la chiesa di San Nicola.

In casa Rogati si può ammirare un presepe realizzato del 1961 dallo spagnolo Juan Marì Oliva con pastori di Antonio Mazzeo.

Come avrete capito, infine, la zona si presta moltissimo ad escursioni, con sentieri magnifici da percorrere nella natura incontaminata.

Tradizioni e gastronomia

Pochi sono gli abitanti che ancora tengono vive le tradizioni del paese, come, su tutte, la rappresentazione di un presepe vivente che si effettua nel centro storico medioevale, degna cornice della celebrazione religiosa e mistica. Del periodo natalizio è anche un’altra tradizione, ovvero quella degli zampognari con San Polo Matese uno dei paesi più noti per la produzione assieme a Scapoli e la frazione di Rocchetta a Volturno, Castelnuovo.

Col clima freddo i paesani preferisco cucinare piatti robusti come la “zuppa di fagioli” condita col pomodoro, le “taccozze con fagioli” e i saporiti arrosti di agnello e capretto allo spiedo, accompagnati da un ottimo vino.

Condividi su: