Vastogirardi: aria pura, natura incontaminata, il borgo fortificato e un angelo in volo

La mia prima volta in alto Molise fu particolare, ero lì per un motivo che non sto qui a raccontarvi e la prima tappa di giornata prevedeva proprio il paese del titolo: Vastogirardi!

Un bordo fortificato, pietra ovunque, una vecchina tanto simpatica con la quale parlare e panorami mozzafiato. Può bastare?

Continuate la lettura e visitate i social per restare sempre aggiornati:

Cenni storici

La parola Vasto significa Roccia, il termine Girardi forse da un certo Giraldo, crociato, che si fermò nella zona. Nel XIII secolo era detto “Castrum Girardi” o “Castel Girardo”, nel XIV secolo Rocca Girardo e solo nel 1700 ebbe la denominazione attuale. La storia colloca la nascita del paese nella seconda metà dell’VIII secolo, data alla quale si fanno risalire anche le mura.

Cosa vedere

Ricco di chiese: dalla più antica, ovvero la Chiesa di San Nicola del 1400 circa, alla più moderna, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie. Vastogirardi è il luogo perfetto per immergersi nel verde, grazie al bosco comunale, alla Riserva Naturale di Montedimezzo e alle numerose sorgenti che alimentano il fiume Trigno e rendono il paesaggio tranquillo e gradevole alla vista e all’udito. Tutte queste risorse paesaggistiche e naturali fanno di Vastogirardi uno dei paesi più belli dell’Alto Molise con molte attrattive per i turisti.

Tradizioni e gastronomia

Dal 1911 a Vastogirardi va in scena una delle tradizioni popolar-religiose più suggestive del Molise: il rituale della Sacra Rappresentazione de “Il Volo dell’Angelo”, che attira ogni anno migliaia di visitatori, i quali assistono entusiasti al volo della “fanciulla con le ali“. È una bambina del paese, infatti, di età compresa tra i quattro e i sei anni ad essere assicurata ad un solido cavo d’acciaio, vestita in costume di scena, a ripetere il percorso dal balcone di circa 40 metri di una casa fino alla statua della Madonna. In occasione della manifestazione non mancano in piazza Vittorio Emanuele esposizioni e stand gastronomici per degustare prodotti locali.

Nel panorama delle manifestazioni tradizionali locali, degna di nota è la Sagra di ‘cazzarieglie e fagioli’, riconosciuti come piatto di qualità dall’Accademia Italiana della Cucina, un tipo di pasta particolare dalla forma allungata (con a piccolo gnocchetto come altrove) composto semplicemente da acqua e farina, preparati con passione e dedizione dalla massaie del luogo. La sagra si svolge a fine agosto nella suggestiva location della corte del castello medievale di Vastogirardi.

Condividi su: