Morrone del Sannio, lo “spione del Molise” tra storia e panorami mozzafiato

Su un cucuzzolo dominante la valle del Biferno sorge Morrone del Sannio, caratteristico paese che viene chiamato “lo spione del Molise” proprio per la sua posizione.

Continuate la lettura e visitate i social per restare sempre aggiornati:

Cenni storici

Morrone del Sannio è un paese molto antico, come si può riscontrare dalle mura di cinta, dalle monete, dalle torri e dalle lapidi ritrovate nel territorio. In epoca normanna fu feudo di Giuliano di Castropignano, durante gli Angioini di Bartolomeo di Capua, verso la fine del feudalesimo i titolari furono i Di Sangro.

Cosa vedere

Paese quasi totalmente ristrutturato a seguito del terremoto del 2002 di San Giuliano di Puglia è molto curato nei dettagli con ampio utilizzo di pietra per costruzioni e pavimenti. Bella è la chiesa di Santa Maria Maggiore in cui troviamo lavori lignei di elevato valore: una statua del Colombo e una composizione in stile gotico. Suggestivo è il chiostro del convento di San Nazario e magnifica è la badia di Santa Maria in Casalpiano, restaurata dopo il tremendo terremoto del 1456, con reperti archeologici da ammirare e una storia tutta da conoscere.

Magnifici sono i panorami di cui si può godere soprattutto dalle zone più alte del paese con lo sguardo che può svariare dal Matese, a tutta la valle del Biferno con i vari paesi che vi si affacciano e fino al mare, con le Isole Tremiti facilmente visibili nei giorni più tersi.

Tradizioni e gastronomia

Mille e più sono i morronesi che popolano il paese; essi mantengono vivi gli usi e i costumi dei loro avi: basti pensare al favoloso “cetillo“, carota selvatica che viene lessata, fritta e macerata nel mosto cotto e poi condita con aceto; alla caratteristica processione a cui tutti partecipano in onore dell’Assunta; alle fiere e alle sagre dell’agnello ai ferri.

Condividi su: