Rotello: paese dell’olio…e non solo

Tra le dolci colline poste tra Fortore e basso Molise sorge Rotello, paese noto per il suo olio, ma non solo. L’olivo è l’elemento più rappresentativo del paese, in quanto in tutto il territorio ne vengono coltivate diverse varietà, dalla cui lavorazione si ottiene un Olio Extravergine di grande qualità, conosciuto ed apprezzato sia in regione che fuori per le sue caratteristiche organolettiche. Ciò ha permesso al comune di entrare a far parte dell’Associazione “Le città dell’olio“. Non è l’unica cosa da sapere, però, sul paese.

Io l’ho visitato accompagnato dall’amica Cinzia Vizzarri dell’ASD Il Valore che, oltre alla storia, mi ha raccontato anche tante curiosità ed aneddoti.

Continuate la lettura e visitate i social per restare sempre aggiornati:

Cenni storici

Fondato dai Normanni, si chiamò dapprima Lauritello, ossia terra di alloro, poi Lorotello e, infine, Rotello. La contea normanna di Loritello, che  si estendeva dal Tronto al Fortore sulle coste dell’Abruzzo, del Molise e della Puglia, fu soppressa definitivamente nel 1220 da Federico II di Svevia e suddivisa in vari feudi. Ai Normanni successero gli Angioini fino ai Caracciolo, ultimi feudatari nel 1792. Rotello venne compreso nella Capitanata e quindi, nel 1811, fu aggregato al Molise.

rotello

Cosa vedere

Il patrimonio storico artistico di Rotello racchiude il centro storico, il quale conserva case medievali, disposte in file e separate da vicoli stretti convergenti tutti verso la piazza. Qui sorgeva la chiesa madre, di cui oggi non restano tracce. Per accedere al centro storico vi erano quattro porte di cui oggi solamente tre sono ancora visibili.

Sui muri e sugli archi del borgo si conservano scritte in latino. Sulla facciata di una casa resta un rilievo con una lupa e una figura femminile (chissà, Cappuccetto Rosso, magari): secondo la tradizione vi avrebbe avuto sede la “ruota” dove venivano abbandonati i neonati indesiderati.

La primitiva chiesa di Santa Maria degli Angeli, in stile romanico, si trovava in Largo della Vecchia Chiesa. Successivamente il vescovo Tria, nella sua opera di ricostruzione del patrimonio ecclesiastico, ne volle una nuova, in quanto quella che trovò era angusta, oscura, senza coro e sagrestia. Per questo progetto fu utilizzato il sito occupato dalla diruta chiesa dell’Annunziata e del vecchio Ospedale. I lavori iniziarono nel 1728 e terminarono nel 1744.

La chiesa ha un classico stile barocco, sobrio per gli esterni e monumentale per gli interni, che sono divisi in tre navate. Nel 1888 fu restaurata e decorata con affreschi. Nella sagrestia è custodita la statua del patrono S. Donato, che prima si trovava nella Chiesa di Verticchio. Nel 1962 a seguito dell’abbattimento della facciata originaria è stato eliminato l’orologio pubblico.

La chiesa di S. Rocco fu fondata nel 1648 come ex-voto dopo la grave ondata di peste del 1646-48. Dopo la caduta della Congrega della Buona Morte in cui  aveva stabilito la sua sede, la chiesa fu abbandonata. Nel 1913 fu restaurata e l’anno seguente fu riaperta al culto.

In largo 6 Agosto nel 1881 fu costruita un’imponente fontana, denominata “Fontana Maggiore”, da cui la collettività contadina dell’epoca attingeva acqua freschissima proveniente da una ricca sorgente locale. L’opera, interamente in bronzo, è alta circa 3,50 metri ed è costituita da un basamento centrale che poggia su un piedistallo di marmo. Sulla sommità di questo è posta la statua di Cerere, dea dei campi, delle messi e della fertilità, a simboleggiare la forte prevalenza, a quell’epoca, dell’attività agricola sulle altre attività locali.

Massiccio e imponente, il Palazzo Colavecchio domina il centro storico. Sulla storia e sulle vicende costruttive del castello non si hanno molte fonti. Certamente la struttura architettonica odierna è il risultato di notevoli mutamenti. Come la maggior parte dei fortilizi presenti in terra molisana, anche il Palazzo Colavecchio ha mutato la sua destinazione, passando da struttura con precise caratteristiche difensive a vera e propria residenza signorile, cinto da mura perimetrali e dotato di torretta per gli avvistamenti. Secondo la tradizione pare sia stato l’abitazione dei Conti Normanni. Le mura non sono più visibili poiché sono coperte dalle abitazioni, che ne hanno cambiato la struttura.

Alla sinistra dell’edificio vi è una torre, oggi conservata malissimo, che delimita la struttura. La parte nord non presenta torri difensive, ed è piuttosto appuntita; invece la parte superiore è decorata da “romanelle” che in primavera danno ospitalità alle rondini.

Altri palazzi gentilizi sono: il palazzo delle Lacrime, con all’interno una bifora e sulla facciata un portale settecentesco con stemma della famiglia De Finis e iscrizione e il palazzo Benevento, con sul portale uno stemma gentilizio settecentesco.

Tradizioni e gastronomia

Festa di San Donato: in occasione della festa del santo patrono il 7 agosto, oltre alle celebrazioni religiose quali la santa messa e la processione per le strade del paese, è tradizione allestire una una fiera di merci varie e organizzare una sfilata di abiti d’epoca.

Festa di San Basilio: il 14 luglio, San Basilio, era tradizione festeggiare il santo e allestire una fiera di merci varie, usanza che però si è andata via via perdendo.

Altre tradizioni sono l’Incoronata e Sant’Antonio.

Tra i piatti tipici di Rotello troviamo i fusilli a cappelletti, le “Cacaurozze”, i “Fiadoni” e tanti altri piatti amati in tutto il Molise come le ostie ripiene e frattaglie e melograno.

Condividi su: