maitunate

Maitunate molisane, arriva la loro notte!

Maitunate, arriva la loro notte!

Un altro anno sta per finire e, con l’arrivo del 31 dicembre, tornano come ogni anno ormai da secoli le maitunate.

Cosa sono, però, le maitunate, questa antica tradizione ma che non tutti conoscono veramente?

Scopriamolo insieme in questo articolo!

Maitunate, cosa sono

Le maitunate, antica tradizione molisana e dei paesi limitrofi di Puglia, Campania e Abruzzo, sono una celebrazione folkloristica nata dai canti dei pastori che nei secoli precedenti percorrevano le antiche vie della Transumanza.

Durante tale rito, che ha inizio a tarda sera e va avanti tutta la notte, vari gruppi di persone improvvisano canti e ritornelli per le vie cittadine chiedendo da bere e da mangiare bussando alle porte delle varie famiglie.

Il tema è molto vario, spesso però goliardico e buffonesco. Non mancano anche frecciatine ai personaggi più in vista del paese.

Volendo dare una definizione più letteraria, le Maitunate si possono definire come una sorta di madrigale improvvisato, spesso in rima, i cui testi hanno spesso risvolti tanto mordaci quanto beneauguranti per l’anno in procinto di arrivare.

Tali canti possono essere rivolti ad una sola o a più persone e spesso ripercorrono, raccontandoli in chiave comica, eventi o episodi che hanno caratterizzato l’anno in procinto di terminare.

Altrettanto spesso possono essere dirette ad una persona amata; in altri casi ancora servono, invece, a prendersi gioco dei difetti, dei vizi o delle debolezze di qualche amico.

Se colui al quale è diretta la maitunata è abile nel “far di rima” questo può controbattere con un’altra strofa, dando vita ad un botta e risposta, spesso dai risvolti esilaranti.

Le maitunate potrebbero sembrare come una satira popolare dai contorni grossolani, all’ascolto invece si svela in tutto il suo primitivo senso dell’ironia e del sarcasmo.

Gli strumenti

Lo strumento principe utilizzato nelle maitunate è senz’altro il bufù, seguito da organetto, fisarmonica, struculatora e tamburelli.

Tra gli altri strumenti utilizzati vanno menzionati anche tamburi, chitarre e altri strumenti ideofoni come racanella, tap tap, tre martelli e strumenti di uso comune, che per l’occasione diventano strumenti di accompagnamento.

I luoghi

Come detto in apertura, le maitunate sono tipiche del Molise e dei paesi limitrofi.

In alcuni luoghi, però, si sono sviluppate più che in altri.

Tra le maitunate più importanti del Molise ricordiamo quelle di Sepino, Casacalenda, Gambatesa, Tufara, Riccia, Ferrazzano, Pietracatella, Oratino, Capracotta e Chiauci, anche se le prime tre sono senz’altro le più conosciute e partecipate.

Dunque l’appuntamento è per domani sera. Si resterà in giro tutta la notte e fino al mattino.

Vi lasciamo ora a qualche foto inviataci da Cristina Zeoli alla quale va il nostro più grande ringraziamento.

Buone maitunate e buon anno a tutti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *