Santuario di Castelpetroso

Il primo articolo specilistico sui luoghi da visitare, dopo aver presentato per linee generali la nostra regione, è la basilica santuario di Maria Santissima Addolorata a Castelpetroso (IS).

Presso Castelpetroso sorge il Santuario di Maria Santissima Addolorata, patrona del Molise. Secondo la testimonianza delle veggenti, la Vergine Maria apparve la prima volta il 22 marzo 1888 a due pastorelle di nome Serafina e Bibiana in località Cesa tra Santi, sulle pendici del Monte Patalecchia. A questa prima apparizione ne seguirono altre. Tale fenomeno fu in seguito riconosciuto.

La costruzione

Il santuario, iniziato con la posa della prima pietra avvenuta il 28 settembre 1890 e completato nel 1975 è realizzato in stile neogotico; visto dall’alto si può notare come sia composto da sette cappelle che rappresentano i sette dolori della Madonna, al centro delle quali vi è la cupola alta 54 metri.

Il santuario e il luogo delle apparizioni sono collegati tra loro dalla Via Matris, lunga 750 metri, dove vengono ricordati i sette dolori mariani.

La Chiesa Parrocchiale è dedicata a San Martino Vescovo ed è risalente alla seconda metà del XIII secolo. All’interno si trovano diverse opere degne di interesse, tra cui un mosaico raffigurante S. Martino e dei dipinti del Maestro molisano Amedeo Trivisonno.

La piccola Cappella della Maddalena è situata ad 810 metri s.l.m. ed è caratterizzata dalle mura con pietre a vista.

L’interno

All’interno del Santuario colpisce subito, la parte centrale, coperta dalla cupola prima citata da cui si irradiano le sette cappelle. Alzando gli occhi si scorgono i mosaici dei santi più venerati in Molise, più in alto gli Evangelisti e i Profeti. Sotto questa protezione i pellegrini guardano fiduciosi all’altare maggiore, dove è il trono dell’Addolorata e il gruppo che esprime e sintetizza il muto messaggio della Madre Addolorata.

Nella settima cappella è conservata una reliquia (un dente) di San Gabriele dell’Addolorata che dal 1994 è presente nel Santuario. Sulla cantoria risuonano le note delle 1778 canne dell’organo, opera dei fratelli Ruffatti di Padova. Volgendo lo sguardo intorno alla presenza di Maria ci rassicura dalle vetrate neogotiche e dai rosoni che rappresentano momenti della vita della Madonna o alcuni dei titoli con i quali è venerata.

Le apparizioni

Secondo la testimonianza delle veggenti, la Vergine Maria apparve la prima volta il 22 marzo 1888 a due pastorelle di nome Serafina e Bibiana in località Cesa tra Santi, sulle pendici del Monte Patalecchia. A questa prima apparizione ne seguirono altre e, in seguito al riconoscimento di tale fenomeno, papa Paolo VI ha proclamato Maria Santissima Addolorata di Castelpetroso patrona del Molise il 6 dicembre 1973.

Proprio per tale motivo, ci sembrava doveroso dedicare il primo articolo approfondito a tale Santuario. Dunque, benvenuti a tutti su questo nuovo portale aperto a tutti e…buon lavoro Molise!

Santuario di Maria Santissima Addolorata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *