San Vincenzo al Volturno
San Vincenzo al Volturno

San Vincenzo al Volturno, candidatura patrimonio UNESCO

San Vincenzo al Volturno, candidatura patrimonio UNESCO.

Nella giornata di ieri, presso il sito archeologico di San Vincenzo al Volturno, si è svolto il primo incontro per far inserire il complesso tra i siti UNESCO.

Se l’iter dovesse andare a buon fine il sito sarebbe il primo riconosciuto in Molise, lasciando il triste primato ad Abruzzo, Calabria e Valle d’Aosta.

All’incontro, oltre ai vertici delle amministrazioni interessate (Castel San Vincenzo e Rocchetta al Volturno), hanno preso parte l’Arch. Francesca Riccio rappresentante del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, il Dott. Ruggero Longo coordinatore del processo di candidatura, Federico Marazzi dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, il consigliere regionale Nico Ioffredi per la Regione Molise, il Priore don Giuseppe in rappresentanza dell’Abate di Montecassino, il dott. Giuseppe Santoro per l’Agenzia del Demanio, il dott. Saverio Ialenti per segretariato generale MIBAC e la dott.ssa Colombo della Soprintendenza.

L’incontro, oltre a dettare la tabella di marcia che il tavolo tecnico/istituzionale dovrà seguire nel lungo e complesso iter procedurale, ha avuto anche il compito di spiegare in larghe linee il progetto, che vede interessate, oltre a San Vincenzo al Volturno, anche altre sette località, tutte rigorosamente legate alla presenza di insediamenti benedettini.

Ci sono infatti: l’Abbazia di Montecassino, il Complesso benedettino di Subiaco (Roma), l’Abbazia di Farfa in Sabina (Rieti), San Pietro al Monte nel comune di Civate (Lecco), la Sacra di San Michele nel comune di Sant’Ambrogio (Torino), San Vittore delle Chiuse nel comune di Genga (Ancona) e Sant’Angelo in Formis nell’omonima frazione sita nel comune di Capua (Caserta).

Otto località, situate in 6 regioni italiane, che rappresentano un unicum dal punto di vista della presenza benedettina. Attorno ad esse si è difatti sviluppato il progetto, denominato “Il paesaggio culturale degli insediamenti benedettini dell’Italia medievale”, che intende porsi all’attenzione della speciale commissione che darà infine il via libera o meno all’iscrizione di questi otto siti nella strettissima cerchia dei beni UNESCO patrimonio dell’umanità.

“È stata una giornata estremamente significativa per il nostro territorio – ha commentato la sindaca di Castel San Vincenzo, Marisa Margiotta – insieme al collega di Rocchetta al Volturno faremo tutto quanto di nostra competenza perché questa candidatura vada a buon fine. Sarebbe uno straordinario spunto per la valorizzazione dell’intera area monastica, con una inevitabile ricaduta positiva per l’economia dell’intero territorio”.

Fonte: quotidianodelmolise.it

San Vincenzo al Volturno
San Vincenzo al Volturno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *