San Basso
San Basso

San Basso a Termoli: storia, programma e meteo

San Basso, festeggiato il 3 ed il 4 agosto a Termoli è il rito più sentito della località marina ed uno dei più importanti dell’intera regione.

STORIA:

L’origine della celebrazione si fa risalire al 1761, quando, durante il vescovado di Mons. Giannelli, fu ritrovato il sarcofago contenente le reliquie di San Basso, disperse da secoli, durante i lavori di restauro nella Cattedrale di Termoli. Intorno al 1200, infatti, a causa delle incursioni dei saraceni, per impedire che i resti del Protettore cadessero in mano straniere, furono celate nella cripta (detta “Grotticella di San Basso“) che si trovava ai piedi dell’altare della attuale cattedrale.

Le reliquie, murate in una cappella sotterranea, vennero  dunque casualmente rinvenute in seguito ad alcuni lavori di consolidamento nel 1760. La popolazione di Termoli, non appena si diffuse la voce del miracoloso ritrovamento, iniziò una lunga veglia in attesa di notizie più precise. A causa della rigida temperatura invernale, i fedeli illuminarono e riscaldarono la notte con numerosi fuochi, dei quali gli “spari pirotecnici” attuali non sarebbero che una sorta di rievocazione.

La processione a mare, invece, ricorderebbe la leggenda secondo cui alcuni pescatori trovarono in mare le spoglie del Santo. Per ciò che concerne tale celebrazione, è presente il desiderio di affidare al Santo la buona riuscita nella pesca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *