petrella tifernina
Petrella Tifernina - Foto Paolo Pasquale

Petrella Tifernina: viaggio tra storia e cultura del paese

Petrella Tifernina: viaggio tra storia e cultura del paese

Come ogni venerdì facciamo tappa in un paese molisano per scoprirne la storia, le caratteristiche, cosa vedere e le tradizioni; siamo oggi a Petrella Tifernina. Venite con noi alla scoperta di questo magnifico borgo… Buona passeggiata!

La storia

Sito su una piccola altura, gode di una vista panoramica che abbraccia la valle del Biferno e i monti del Matese. Probabilmente anticamente nel luogo ci furono insediamenti preistorici come si potrebbe dedurre dal ritrovamento di oggetti litici. Nel XII fu possesso di Ruggiero di Molise e si chiamava Patrella; con gli Angioini passò ai signori Raimondo e ai Berlingieri e poi agli Alemanni, ai Santangelo, ai Mormile e ai Pulce.

All’interno dei confini comunali si trova l’isola amministrativa “Castellino Nuovo“, del comune di Castellino del Biferno, costruita a seguito del terremoto di San Giuliano di Puglia dell’ottobre 2002.

b&b lamabianca

Da vedere

I visitatori possono ammirare la bellissima chiesa di San Giorgio, patrono del paese, con uno stile fantastico-decorativo di un’arte romanica, quasi rinascimentale perché l’ansia religiosa medioevale si placa nella forma artistica armoniosa delle figurazioni presenti nelle lunette e nei capitelli. I maestri di allora, gli opifices, provenienti dalla Puglia, lavorarono nel Molise dando una peculiarità allo stile ellenistico-orientale, appunto nella lunetta, sul portale della chiesa, appare il nome di uno di essi, il magister Epidius. L’interno è diviso in tre navate, separate da colonne, collegate con archi a tutto sesto, è austero, grandioso. La cripta di San Giorgio si trova tra l’abside centrale e la sacrestia ed è di epoca bizantina.

Caratteristiche sono le vie del borgo, che ancora presentano la pavimentazione di un tempo, lungo le quali si trovano palazzi con portali pregevoli: importante il palazzo rinascimentale “Sette Medici” che ha una loggia ad arcate.

Tradizioni e gastronomia

I petrellesi allestiscono fiere e sagre; famosa è la rappresentazione sacra delle Tentazioni di Sant’Antonio. Altra ricorrenza è il 23 aprile, giorno di festa in onore del patrono San Giorgio. Amano, inoltre, la buona cucina, come si vede dagli appetitosi piatti tipici: i cappelli di prete, i frascatelli, le petacce, pasta fatta in casa e condita con ricotta e pancetta soffritta, la ricciata, preparata con grano, granturco e ceci lessati, u piccellato dolce, pasta impastata con uova, sugna, zucchero e lievito.

In onore di San Giuseppe viene allestito un pranzo di 13 portate varie, con i legumi cucinati in tanti modi e nelle tipiche marmitte di creta.

Paolo Pasquale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *