parco del matese
Monte Miletto - Foto Paolo Pasquale

Parco del Matese: i panorami mozzafiato dalle sue vette

Parco del Matese: i panorami mozzafiato dalle sue vette. Una vista dalla tre cime più importanti della catena del Matese: Monte Miletto, La Gallinola e Monte Mutria.

Parliamo spesso delle nostre meraviglie naturalistiche ed, in particolar modo, della catena del Matese, nominata ultimamente per la nascita del Parco del Matese. Sapete tutti che dalle sue cime è possibile scorgere sia il mar Adriatico fino alle isole Tremiti che il mar Tirreno, con Vesuvio, Ischia, Capri e fino al Golfo di Gaeta (ve ne parlammo già in QUESTO ARTICOLO). Nell’articolo odierno vi presentiamo una galleria completa con le meraviglie che è possibile scorgere dalle tre cime più alte del Parco del Matese: Monte Miletto (2050 m s.l.m.), La Gallinola (1923 m s.l.m.) e Monte Mutria (1823 m s.l.m.). Per ognuna delle cime vi rimandiamo anche agli articoli  delle relative escursioni effettuate. Buona passeggiata e…buona visione! (foto Paolo Pasquale)

Monte Miletto (2050 m s.l.m.)

Monte Miletto, la vetta del Matese con i suoi 2050 m s.l.m. è il punto perfetto per ammirare Molise, Campania e non solo da una posizione privilegiata. Arrivarci non è difficile, soprattutto potendo sfruttare gli impianti di risalita presenti nel comprensorio di Campitello Matese. Ci siamo stati l’11 giugno 2017 insieme agli amici di InVista (QUI IL REPORT DELL’ESCURSIONE).

La Gallinola (1923 m s.l.m.)

La Gallinola, seconda vetta del Parco del Matese, è qualcosa di unico già dai piedi del monte. Natura selvaggia, salita faticosa il giusto ripagata da un panorama mozzafiato, al centro del Matese potendo ammirare anche Monte Mutria e Monte Miletto. Ci siamo stati la scorsa estate, domenica 8 luglio, insieme a Guglielmo Ruggiero, guida AIGAE di Cimentiamoci, ed a MeteoinMolise per la 5^ edizione del Meteo-Trek.

Monte Mutria (1823 m s.l.m.)

Il Monte Mutria, la terza vetta del Matese con i suoi 1823 m s.l.m., è la vetta più alta dell’Oasi WWF di Guardiaregia-Campochiaro (la più grande dell’Italia peninsulare). Con un piede in Molise ed uno in Campania si raggiunge la cima attraverso percorsi magnifici. Noi siamo saliti da Sella del Perrone il 14 agosto 2016 insieme all’amico Guglielmo Ruggiero, guida Aigae di Cimentiamoci, conosciuto proprio in quella circostanza, per l’evento “Traversata del Monte Mutria“, circa 18 km tra faggi, panorami meravigliosi e ritrovamenti di fossili.

Paolo Pasquale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *