Palio

Palio delle Quercigliole, domani l’edizione n. 213!

Non solo a Siena si corre il Palio ma anche a Ripalimosani, più precisamente in località “Le Quercigliole“. Vi parliamo oggi del relativo palio, detto appunto “Palio delle Quercigliole“, giunto alla 231-esima edizione.

A tutt’oggi non sono ancora certe le notizie riguardo lo svolgimento del palio. Un manifesto del 1907 celebrava, in quell’anno, il centenario della corsa facendolo così risalire al 1807. Dello stesso avviso non è un documento conservato presso la biblioteca dei Frati Cappuccini della Chiesa “Sacro Cuore” di Campobasso, che lo farebbe risalire al 1765.

E’ la festa più popolare e caratteristica del paese e si svolge l’11 e il 12 agosto, in campagna alle Quercigliole.

Questa é una contrada campestre che dista dall’abitato circa 2Km; é situata su una collinetta ombreggiata da querce, con in cima una chiesetta dedicata alla Madonna della Neve. E’ usanza che, all’alba della prima domenica di luglio, la statua della Madonna delle Quercigliole venga portata in processione nella Chiesa Madre del paese per essere esposta alla venerazione del popolo.

Il 12 agosto la collinetta diviene ritrovo di molti e, sotto l’ombra delle sue querce, ripesi e gente dai paesi vicini si radunano per il tradizionale pic-nic; a seguire, pronti come ogni anno, ci si riversa lungo il percorso che porta alla chiesetta per tifare la propria contrada nel tradizionale “Palio delle Quercigliole“.

La festa continua nel paese e la serata viene animata da un’artista del panorama italiano e fuochi pirotecnici.

Il Palio che, come detto, si svolge il 12 agosto, è una corsa a cavallo che parte dal vicino tratturo in Contrada Quercigliole e dopo circa un chilometro arriva alla Cappella della Madonna della Neve.

I cavalieri che montano “a pelo” rappresentano le sei Contrade del paese e si contendono il privilegio di entrare nella cappella della Madonna. Qui il fantino vincitore riceve i complimenti della commissione e poi, con alcuni colpettini di bacchetta, fa piegare al cavallo le zampe anteriori, come atto di inginocchiarsi dinanzi alla Madonna.

Di seguito riportiamo gli stendardi delle sei Contrade ed alcune foto dell’edizione 2015.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *