museo del profumo
Museo del Profumo di Sant'Elena Sannita - Foto Paolo Pasquale

Museo del Profumo di Sant’Elena Sannita: storia, odori e sensazioni

Museo del Profumo di Sant’Elena Sannita: storia, odori e sensazioni

Conoscete il Museo del Profumo di Sant’Elena Sannita e la storia della tradizione dell’arte profumiera? A Sant’Elena è presente un museo con oltre 1500 profumi. Noi ci siamo stati, accompagnati dalla brava e gentile Licia Pette. Impossibile non ringraziare il Dott. Massimino De Tollis, Presidente della Fondazione “Il Cammino del Profumo”, per aver acconsentito alla nostra visita privata. Andiamo, dunque, alla scoperta del Museo del Profumo di Sant’Elena, un unicum in Europa a testimonianza di una favola: dalle lame alle essenze.

La Storia

La storia dei profumi e della tradizione profumiera inizia con la figura dell’arrotino. Cosa c’entra l’arrotino con i profumi? Scopriamolo… L’arrotino, com’è risaputo, svolgeva attività porta a porta affilando lame di forbici e coltelli. Con il passare del tempo e, nello specifico, nel primo dopoguerra, l’attività rendeva sempre meno ed iniziò l’emigrazione dal paese verso le città più grandi, quali Roma e Napoli. Dapprima l’arrotino continuò con l’attività porta a porta per poi iniziare a collaborare con le macellerie. Nacque così anche la cooperazione con i produttori di coltelli di Frosolone, rinomati nel loro settore, e grazie ai quali l’artigiano forniva, nella grande città, un servizio ancora migliore vendendo ai macellai coltelli realizzati appositamente per il taglio dei diversi tipi di carne.

Dal girovagare per la città nacquero altre collaborazioni e la più importante, alle origini della tradizione profumiera, condurrà l’arrotino a lavorare con i barbieri che utilizzavano prodotti sconosciuti nel luogo natio, dalle lame a mezzaluna, ai pennelli, all’acqua di colonia, a saponette profumate. L’arrotino trasferiva tutte queste novità nel paese d’origine dove i concittadini gli chiedevano di portarle. Nasceva, quindi, un doppio scambio commerciale tra Frosolone, Roma e Sant’Elena Sannita.

In paese, chi ebbe la possibilità acquistò piccoli locali da adibire a botteghe per la vendita di forbici, di coltelli, dei prodotti tipici dei barbieri e, dopo la seconda Guerra Mondiale, anche dei profumi. Al contempo, si registrò un esodo di massa da Sant’Elena verso le grandi città, dove i santelenesi emigrati aprirono negozi di profumi (in pochi anni, oltre cinquecento nella sola Roma), con alcuni che si specializzarono in diversi campi. Ricordiamo, in tal senso, il Sig. Sergio Zoppo ed il Sig. Ruberto Antonio che si perfezionò nell’affilare gli strumenti chirurgici. Oggi, delle tante attività restano solamente quelle che, da sempre, hanno cercato di distinguersi puntando su profumi non commerciali: è così che le Famiglie Muzio e Durante sono arrivate fino ai giorni nostri, legate al loro marchio ed ai loro profumi.

La struttura

Composto da due piani, il Museo ospita, in prestigiosi armadi, circa 1500 pezzi di profumeria moderna ed oggetti utilizzati da barbieri e profumieri dalla fine dell’Ottocento in avanti. Vi è pure un orto botanico che persegue l’obiettivo di lanciare un laboratorio per la creazione di nuove essenze.

I profumi sono originali, alcuni recanti ancora il prezzo, e descritti al meglio dalle guide presenti. Ad averli raccolti, da oltre cento anni, furono proprio i profumieri santelenesi che, un tempo federati, collezionavano pezzi unici, prime edizioni e bottiglie speciali. Con lo scioglimento della federazione, tale lavoro ha rischiato di essere perduto ma, grazie alla famiglia Muzio, la collezione giunse come tesoro in dono alla Fondazione “Il Cammino del Profumo” e, quindi, al Museo del Profumo.

La Fondazione

La Fondazione “Il Cammino del Profumo” è nata dal desiderio di alcuni di raccontare le origini e la storia del profumo di Sant’Elena Sannita anche con l’obiettivo di fermare lo spopolamento del paese. È proprio la Fondazione che ha contribuito alla realizzazione del Museo e dell’annesso giardino, fortemente volendo anche la ricerca botanico-agronomica per l’individuazione e la coltivazione delle essenze floreali da destinarsi ai profumi di Sant’Elena. La ricerca ha individuato circa 250 specie spontanee, alcune delle quali ben si prestano alla coltivazione dell’industria profumiera.

Dagli studi così effettuati, sono nati due profumi venduti proprio nel Museo: uno maschile ed uno femminile, rispettivamente Voìra e Ventunora.

 

Odori e Sensazioni

Ma cos’è, il profumo? Lo senti addosso alle persone che passano e sollecita pensieri, identità, immagini. A casa, è conservato come reliquia, negli armadi e sulle mensole, per il suo essere prezioso. Boccette smerigliate, fluidi densi di colori che cambiano a seconda del tempo e dell’uso. Fresco o dolce, è evocativo, forte, aereo.

La nostra visita al Museo, un sabato di Ottobre, inizia nel luminoso salone d’ingresso dove conosciamo Voìra e Ventunora. La Voìra (o voria, la bora), il vento che soffia a Sant’Elena e che insiste freddo e deciso, travolgendo e riportando dentro, davanti al focolare, per raccontarsi storie tenendosi vicini. In questo profumo annusiamo ciò che cresce nei campi del posto, dai fiori alle piante, e il legno degli alberi; sentiamo il ferro che gli arrotini lavoravano e la tempra del fuoco che lo trasformava. Accenti sicuri, determinati, non per forza esclusivamente maschili: è il Molise, siamo noi, ed è qui che staremo bene, come le essenze che non sfumano ma restano per essere godute.

Arancia, bergamotto, anice stellato, oltre a rosa, gelsomino e geranio, e al sandalo e al cipresso, sono in Ventunora, pensato per la donna. La ventunesima ora (tre ore prima del tramonto, dalle 14 alle 17 a seconda delle stagioni), quando le ragazze uscivano per andare a prendere l’acqua, era l’unico momento per incontrare i ragazzi, per essere viste e per mostrarsi. Ventunora sembra scandire ed alternare femminilità e civetteria, orgoglio e cedevolezza, desiderio e scoperta in una mirabile sintesi assai dolce. Nonostante ci venga chiesto il contrario, non riusciamo ad allontanare il naso dai cartellini impregnati, tanto è buono ciò che odoriamo. Per l’uno e per l’altra, apprezziamo i flaconi appositamente creati, con chiusure in grigio e in rosa, di materia simile a quella della mola che affila i metalli.

Percorriamo gli ampi locali della scuola ristrutturata, fino all’orto botanico sul retro. Qui sono messe a dimora piante locali di cui, con curiosità e stupore, apprendiamo l’utilizzo anche in profumeria: rosmarino selvatico, timo, santolina sono solo alcune, lungo un percorso aromatico che affaccia sull’alta collina. Con la nostra guida, ci fermiamo per un ragguaglio. Cogliamo, con rapidi cenni, gli aspetti fondamentali di una storia millenaria fino ai giorni nostri: dall’evocare dei ed antenati per fumum alla commistione di aromi, passando per medicina, zen ed alchimia per approdare a Grasse e alle nuove metodologie. Il XVIII° secolo è il periodo in cui si affermano le acque di colonia, impreziosite dai flaconi di cristalli pregiati che le contengono.

Con il sole del tramonto, Licia ci invita a salire fino ai piani superiori dove contempliamo ammirati gli innumerevoli pezzi, esemplari dei principali marchi diffusi in Europa ed in America. Sono raccolti in antiche vetrine adorne di madreperla, finemente restaurate da artigiani della vicina Frosolone. Così, attraverso un opportuno accostamento di mobilio, cristalli e forme retrò, moderne e futuribili, la memoria è fatta salva. Viaggiando attraverso il tempo e le persone che ad esse hanno legato la loro storia, gli incontri e la celebrità, le essenze diventano vive superando luoghi, paesi, mode.

Info e Contatti

Il Museo del Profumo apre, da Settembre a Luglio, solamente su prenotazione, con un preavviso di almeno un giorno dalla data in cui si desidera visitarlo. Ad Agosto, invece, si può accedere tutti i giorni dalle ore 9:30 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00. Per i gruppi numerosi, è consigliabile effettuare sempre la prenotazione.

Per contatti:

  • Dott. Massimino De Tollis: 338.6620595
  • Uffici Comunali: 0874.890059
  • E-mail: [email protected]
  • Sito: www.ilmuseodelprofumo.it
  • Pagina Facebook Museo del Profumo
  • Indirizzo: Via del Profumo, 1 – Sant’Elena Sannita – 86095 – Isernia.

S. P. & P. P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *