inciviltà
Sequoia

Inciviltà, aiuola della sequoia piena di rifiuti

Inciviltà dei cittadini, aiuola piena di rifiuti 

Cerchiamo sempre di parlare del rispetto dell’ambiente e dei luoghi dove viviamo, cosa che dovrebbe essere alla base del rispetto reciproco e nei confronti dei propri luoghi; ci troviamo, invece, ancora una volta, a constatare la più totale inciviltà dei cittadini.

Nello specifico di quelli campobassani.

inciviltà
Sequoia

Abbiamo parlato tanto della nuova sequoia di piazza Cesare Battisti (qui l’ultimo articolo). Meno di una settimana fa è stato piantato il nuovo albero che andrà a sostituire quella precedente, in continuità con il passato ma con un forte rinnovamento. Abbiamo sperato che questa nuova pianta potesse ridare un minimo di slancio anche alla città (anche sotto il profilo ambientale) ed invece ci troviamo a constatare tutt’altro. L’aiuola è già piena di carte, mozziconi di sigarette, bicchieri di plastica e chi più ne ha più ne metta.

Si sono fatte tante polemiche su chi fossero i responsabili della morte della precedente sequoia, dal sale della neve sciolta ai lavori sulle tubature. La risposta più probabile è la prima, ma sull’inciviltà delle persone non si è mai espresso nessuno. Quello che fa ancor più riflettere è che l’aiuola è ancora recintata anche con i teli, dunque la spazzatura non è stata solamente “lasciata”, non può solamente essere “caduta di mano” ma è stata buttata e lanciata oltre la recinzione volutamente, cosa che rende ancora più grave, il gesto già di per se non apprezzabile. Non sappiamo chi sia stato, ma questo è solo l’ultimo di tanti eventi simili che accadono in città ed in regione, dunque il colpevole non è unico.

inciviltà
Sequoia
inciviltà
Sequoia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi scrive è appena tornato dalla Svizzera e stamattina, recandosi a lavoro, rifletteva sulla pulizia delle strade. Un esempio soltanto: in una passeggiata di 4 chilometri a Zurigo ha contato 5 mozziconi di sigaretta…stamattina solamente intorno alle scalette del proprio luogo di lavoro ne ha contati 11! Non pretendiamo la pulizia, l’ordine e l’organizzazione svizzera, ma un minimo di rispetto verso i propri luoghi si. Speriamo veramente sia l’ultimo caso che raccontiamo ma, purtroppo, non ne siamo così sicuri.

Non tocca a noi fare leggi sulla tutela ambientale, punire chi sporca o getta qualcosa per terra ma iniziare a farlo notare si. Sulla Terra ci viviamo tutti e, noi, vorremmo viverci degnamente rispettandola il più possibile anche perché, non rispettando la Natura, manchiamo di rispetto principalmente a noi stessi!

Paolo Pasquale

Un commento

  1. Il rispetto per il bene pubblico può solo partire dalla conoscenza e da una buona educazione. Occorre far capire alle persone che sporcare e inquinare l’ ambiente in cui si poggiano i piedi, si respira e si vive equivale a sporcare noi stessi, e nuocere alla nostra salute

    Un centro cittadino oltre a essere pulito deve essere anche bello: questo vuol dire su quella aiuola deve essere piantata dell’ erbetta pulita altrimenti fra qualche mese vedremo la bellissima sequoia circondate da erbacce !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *