Castello d’Evoli ospita le ‘nobili presenze’

Castello d’Evoli ospita le ‘nobili presenze’

Accorrete gente! accorrete al castello di Castropignano!!!

Dopo un lungo periodo, finalmente domenica 26 febbraio l’incantevole Castello d’Evoli di Castropignano ha riaperto le sue porte (o i sui ponti elevatoi!!) al pubblico.

A questa tanto attesa riapertura abbiamo già dedicato questo articolo.

Ebbene, a partire da domenica 17 Aprile 2017 il Castello d’Evoli sarà lo scenario di una originale esposizione itinerante dal titolo:

Le nobili presenze del Castello Monforte di Campobasso

 

L’esposizione

Nobili presenze al Castello Monforte” è la mostra permanente che è stata inaugurata, in verità, già lunedì 12 settembre 2016, nel maniero simbolo della città di Campobasso: il castello Monforte

L’evento è stato ideato dall’associazione culturale centro studi storici e sociali V. Fusco “La Mantigliana”, in collaborazione con la cooperativa sociale “Laboratorio Aperto”, “Incima” e con il patrocinio del Comune di Campobasso.

Si tratta dell’esposizione di abiti maschili e femminili dell’epoca medioevale, realizzati con una fedele ricostruzione storico-sartoriale.

La mostra è completamente gratuita e nelle intenzioni degli ideatori c’è la volontà di far rivivere al pubblico in visita, l’atmosfera suggestiva di quell’epoca, svolgendo anche una preziosa funzione di conservazione e divulgazione di un bagaglio culturale tutto molisano.

L’associazione ‘La Mantigliana

‘La Mantigliana’ è una associazioni di appassionati che hanno a cuore la conoscenza e la riscoperta delle nostre tradizioni più antiche, di quelle che furono, da parte del pubblico di oggi.

Questo gruppo di persone con grande passione e dedizione stanno cercando di rivalutare gli usi e i costumi che, purtroppo, col passare degli anni stiamo perdendo, ma non con nostalgico voler tornare al passato, bensì con una intenzione di preservare l’identità e la cultura molisana attraverso la conoscenza del nostro passato.

Ma perché si chiamano così?

La ‘mantigliana’, era il tipico e indispensabile copricapo, utilizzato dalle donne molisane durante tutto il Seicento e fino agli inizi del Novecento.

L’associazione già ha portato  a termine un prezioso lavoro di studio e ricostruzione sartoriale del modo di vestire a Campobasso dal diciassettesimo al diciannovesimo secolo, con l’iniziativa ‘A Campobasso vestivamo così‘ tenutasi in concomitanza del Corpus Domini 2014.

Questo lavoro è iniziato con lo studio di documenti e manoscritti antichi, tra cui i libri di Ada Trombetta, che sono conservati nella Biblioteca Provinciale ‘Albino’.

Ecco le parole dell’organizzatrice in occasione dei quell’evento:

“Siamo riuscite a rendere concreta quella che era solo un’idea senza alcun patrocinio, ma in maniera artigianale, cercando di utilizzare materiali e modelli simili, il più possibile, a quelli originali. Laddove non ci si è riusciti, i capi sono stati trasformati con gusto retrospettivo. Scarpe, calze fatte a mano, ricami, lavori all’uncinetto, riadattamento di oggetti di bigiotteria. Un gran lavoro ma, al contempo, anche tanta soddisfazione a lavoro concluso”.

Vi lasciamo a qualche foto della mostra tenutasi a Castello Monforte:

 

 

Contatti e informazioni

Ora gli abiti magistralmente ricostruiti da queste mani esperte troveranno un altrettanto degno scenario al Castello d’Evoli di Castropignano a partire dal prossimo 17 Aprile.

Anche questo evento è stato organizzato dall’associazione ‘La Mantigliana‘, sotto il patrocinio del comune di Castropignano, in collaborazione con il Parco delle Morge e i Borghi della Lettura.

Noi di TurismoinMolise  lo inseriamo nell’elenco degli eventi consigliati da vedere anche a Pasquetta. Per qualunque ulteriore informazione potete contattare la redazione di TurismoinMolise oppure dare una occhiata alla nostra pagina Facebook, oppure rivolgervi ai seguenti numeri:

Comune di Castropignano- TEL.  08764503132

Resp. sportello turistico comunale- 335.8072840- 368.7195906

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *