capodanno
Panorama

Capodanno, escursione sul Matese

Capodanno, escursione sul Matese

Cosa c’è di meglio che festeggiare capodanno con un’escursione nei nostri boschi sui nostri monti?

Probabilmente niente e, per il sottoscritto, così come per molte altre persone, SICURAMENTE, niente!

Uniamoci dunque agli amici di Cimentiamoci ed alla guida Guglielmo Ruggiero e riviviamo, soprattutto con le immagini, una mattinata stupenda sui monti del Matese.

Raduno ore 9:30 a Campobasso e partenza direzione Guardiaregia.

Da qui, continuando a salire si arriva al quadrivio Campitello Matese, Lago del Matese, Bocca della Selva, Guardiaregia; prendiamo la prima.

Poche curve (leggermente innevate) e si arriva presso Eco Campus Monte Orso. Si lasciano le auto e si inizia a camminare.

Nell’immagine seguente il percorso (indicativo).

capodanno
Percorso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PERCORSO

Dopo un breve briefing si parte baciati da un tiepido sole e si entra subito in uno stupendo bosco di faggi.

Dopo circa un’ora di camminata ci imbattiamo in una strana roccia. Strana non tanto…è un calcirudite, traccia dell’antico mare che un tempo era presente dove ora è il Matese.

capodanno
Calcirudite

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo questa breve pausa, anche per ammirare le forme che la neve presente aveva preso grazie all’azione del vento, si prosegue direzione “Il Pianellone”.

Da qui, dopo aver ammirato il paesaggio in cui ci si trovava ed aver scovato alcune tracce, ci si è incamminati verso la meta.

Sguardi allibiti una volta arrivati, il panorama presentatoci era semplicemente mozza fiato!

Da sinistra a destra una cosa più bella dell’altra, dal monte Mutria alla Gallinola passando per il Lago del Matese.

Dopo esserci riposati e rifocillati, grazie anche all’ottimo infuso di ananas essiccato preparato da Guglielmo e da sua moglie, si riparte, con gli occhi pieni di gioia e la testa svuotata di ogni pensiero.

Altra escursione stupenda, dunque.

Merito della guida, merito della giornata…merito del Molise!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *